automake ed autoconf

Ciro Scognamiglio moray a oltrelinux.com
Mar 26 Ott 2004 13:31:20 CEST


On Tue, Oct 26, 2004 at 01:08:12PM +0200
Agostino Zanutto <z3ta a email.it> wrote:

> > Beep, errore  :-)  La versione cvs non e' un port, quindi non ha le
> > patch al Makefile che al 99% modificano codesti nomi.
> > Se il port non fa cose troppo strane puoi mettere il tarball nella
> > distfiles/ e modificare l'md5 ed il nome nel distinfo, magari va  :)

nopee! :)
a me serviva solo ricompilare i due eseguibili di quel pacchetto ma poi
non li avrei installati di sistema.
Ho dato un occhio al patch del port e aggiungeva solo un include in un
file c.
Il punto e' che la versione presa direttamente dal cvs aveva bisogno di
autoconf&c (lanciati dal solito script autogen.sh).
Il port viene installato dalla release ufficiale che ha gia' il
configure a posto...

> 
> prassi erronea.
> megio creare un proprio port (derivante) e li fare le proprie modifiche.
> 
> 
> cp -R /usr/ports/PORT/PORT ~/NUOVOPORT
> 
> e li modificare tutto... a partire dal nome del port in Makefile,
> settando che va in conflitto con il port originale
>

beh, tanto il port e' piccolino, non e' che mi ha creato grossi
fastidi...il mio problema ora e' capire se smartctl non mi risolve quei
$#!& di settori danneggiati solo sotto freebsd oppure ho il disco
fuffa...ma questo e' un altro discorso :)

C. 



Maggiori informazioni sulla lista esperti