[OT] Acquisti in USA: tasse/dogane/carte/etcetc

Marco Ermini marco.ermini a gmail.com
Gio 31 Mar 2005 11:00:37 CEST


On Sat, 26 Mar 2005 18:32:25 +0100, Alfredo Finelli
<alfredofnl a tiscali.it> wrote:
[...]
> Secondo quanto ho potuto osservare in varie occasioni molto dipende dal
> corriere e anche dal valore dichiarato della merce. Ci che compro pi
> spesso sono libri e per quelli non mi  mai successo di pagare dazi o
> spese aggiuntive.
> 
> Quando invece  capitato di pagare le spese doganali non sono mai stato
> avvisato in anticipo ma ne sono venuto a conoscenza solo al momento
> della consegna. Il corriere mi ha chiesto l'importo che aveva
> anticipato in dogana e una piccola commissione per il servizio di
> sdoganamento. Un esempio recente: 16 Euro per un valore dichiarato di
> 80$.  Altre volte in cui credevo di dover pagare invece, in base a
> casistiche misteriose e a me ancora sconosciute, il pacco  arrivato
> senza alcuna spesa aggiuntiva.

Stesse identica esperienza. A parte il fatto che quando la cosa
transitava per la posta "normale", semplicemente arrivava l'avviso di
andare a pagare alle Poste i dazi.

Dipende, forse, anche dal fatto che esternamente dal pacco si capisca
che si tratta di merce soggetta a dazi. Se riesci a farti scrivere
sopra "omaggio" o una cosa simile, sei molto avvantaggiato :-)

Io per esempio avevo aggiunto "Campione omaggio" (in italiano, gli
inglesi non lo capiscono... almeno non tutti :-) alla stringa di
indirizzo su Amazon... ;-)


Ciao.
-- 
Marco Ermini
http://www.markoer.org
Dubium sapientiae initium. (Descartes)
root a human # mount -t life -o ro /dev/dna /genetic/research
<< This message is for the designated recipient only and may contain
privileged or confidential information. If you have received it in
error, please notify the sender immediately and delete the original.
Any other use of the email by you is prohibited. >>



Maggiori informazioni sulla lista varie